DESTINAZIONE LIBERTÁ

PROJECTGermanItalianEnglishCURATORSARTISTSWORKS ROMA 1WORKS ROMA 2EXHIBITIONSLINKSCONTACT

DESTINAZIONE LIBERTÁ - ITALIAN

Destinazione Libertà“, un fan degli aspetti tematici

Aspetti Tematici AUSTRIA:

1 resistenza

In Italia "Destinazione Libertà" è sinonimo di "resistanza", resistenza al fascismo e ai suoi eccessi.
Con questo titolo, Franco Nardella scrive in passato della lotta contro il sistema fascista, ma anche le accese tendenze estremiste di destra nel paese e in tutto il mondo. Parla del fatto che nulla è ancora stato vinto nonostante tutti i sacrifici di quel tempo e che c'è ancora molta strada da fare: ".... il cammino è ancora lungo ..."
Il vecchio, nuovo argomento si riflette anche nel prossimo aspetto:


2 In fuga verso la libertà

L'Europa è stata inondata da anni da profughi provenienti da zone di guerra e regioni economicamente in rovina, ed è difficile padroneggiare la situazione.
Nei paesi europei ricchi, si ha paura dello "straniero", paura di essere sopraffatto e dover condividere con i nuovi arrivati.
Le nuove tendenze della destra sono così rafforzate e stanno guadagnando una base più ampia nella popolazione di tutti gli stati.
Quello che i rifugiati devono spesso riferire sul loro percorso di persecuzione, repressione, incarcerazione e tortura in una presunta libertà in Europa, deve anche toccare il "ricco Occidente", che ha spesso causato le condizioni nei loro paesi d'origine.
La tensione dell'opposizione non è chiamata nord-sud o interno-esterno, ma povero-ricco: la libertà che i fuggiaschi speravano è ingannevole.
 

3 Sulla strada verso l'ignoto, la libertà oltre il mare

Nel secolo scorso, molti italiani meridionali dalla Sicilia, dalle Isole Eolie e dalla Calabria lasciarono i loro villaggi per emigrare in America o in Canada. Le forze trainanti furono cattivi raccolti, sull'olene la fillossera, che distrusse tutte le viti e quindi la ricchezza e in generale la povertà schiacciante. Quasi nessuno si allontana da casa per cercare e trovare una nuova vita migliore all'estero che non sia guidata dalle difficoltà.
In Austria, molti abitanti del Burgenland e della Stiria orientale emigrarono in Canada, negli Stati Uniti e in Australia per ragioni analoghe.
L'esodo è sempre doloroso, si lascia molto sulla via della libertà.
La libertà non è solo il guadagno di nuova terra e "vita migliore", ma anche il dolore e la separazione del familiare, del cresciuto, lasciato indietro.
 

4 Astrofisica e fisica quantistica, partenza nella più radicale libertà del nostro secolo

Era la fisica come regina delle scienze per secoli un regno, di rame, di leggi inconfutabili, è ora il più speculativo e fantasmi e le teorie quasi inimmaginabili popolati "disciplina", con solo la parola disciplina in netto contrasto con la proliferazione di ipotesi, prove e Al contrario, agli edifici pensati che lasciano i profani in piedi di fronte a una porta con sette sigilli, si ergono come:
- la teoria delle stringhe, che viene calcolato fino a 24 dimensioni, alcuni dei quali mirano a più piccoli incredibilmente complicati conserte, gli altri che sono lì proprio accanto a noi, separate solo da una sorta di membrana del nostro mondo .....
- particelle che non hanno massa, particelle simultaneamente in due luoghi, particelle reticolate con altri attraverso l'universo, sono sincronizzati, comunicare e "sapere" di ogni altro ....
- e poi la vastità inimmaginabile, il nostro universo con miliardi di galassie, di cui la nostra è insignificante,
- buchi neri, ai bordi dei quali il tempo si ferma,
- l'idea dei multiversi da tempo data per scontata da un gran numero di astrofisici
- e l'idea che al posto del nostro, credevamo singolarmente alla vita, vivendo in altri universi, una variante completamente diversa, semplicemente perché abbiamo deciso liberamente per un'altra specie di noi stessi,
- un processo inimmaginabile di diventare e svanire nella dimensione gigantesca e minuscola,
- una libertà così anonima e multi-livello che ti fa rabbrividire.
 

5 Libertà di ricerca - l'illusione di fattibilità

La ricerca è libera.
Dovrebbe essere lei? Esempio di ingegneria genetica.
Designer-babies che formeranno una nuova razza perché sono più belli, più intelligenti, più assertivi della massa opaca e imperfetta?
Premio Nobel per un ricercatore che ha inventato uno "strumento di taglio" altamente accessibile e accurato per il DNA che verrà utilizzato in ogni garage piastrellato per chissà quali "creazioni"?
DNA dei dinosauri che deve essere riportato in vita.
La scena del film di persone in fuga dal T-rex assassino e vorace è solo un'anticipazione di molti dei romanzi di Jules Verne?
 

6 Libertà del privato, dati: il nuovo oro

Rating di credito, carriera, età, peso putativo, politicamente di sinistra o di destra, gruppo di pari, birra che bevo e quante volte una scatola entra nel bagagliaio, single o coppia, bambini o meno, dove ero in vacanza, dove voglio andare in vacanza, Mi piace e non mi piace, ristorante preferito, allergia ai pollini, ginocchio in titanio, fisioterapia o gruppo sport, presunta salute in generale, voti nel diploma del gimnasio, non vogliamo sapere cosa è "conosciuto" di noi!
Se sono d'accordo con l'uso dei cookie?
No, diavolo! Ma non dici di si, non vai da nessuna parte.
La rete è stata a lungo intorno a noi.

 

7 Eccessiva individualizzazione, libertà in una società di solitari

Mai prima d'ora nel nostro ambiente culturale ha la precedenza dell'individuo prima di appartenere ad un gruppo o ad un'associazione così pronunciata.
Viviamo in una società facoltativa, in cui quasi nessuno vuole definire perché la sua libertà di seguire spontaneamente una scelta forse meglio sarebbe limitato. Spesso si sente un invito e se si ha tempo: nel frattempo, non ho pianificato nulla! Oppure: Nel frattempo, nulla è nel programma.
Questa incapacità di legami e patti entra in profondità nelle relazioni di coppia.
Si preferisce una relazione non vincolante, sciolta e sempre risolvibile che sia "facile" e "semplice". Vuoi "divertimento", qualunque cosa possa essere.
Styling - Party - Droghe - Divertimento.
La caccia al miglior intrattenimento possibile senza conseguenze Fluttuazione tra la spazzatura di adrenalina e il chillout.
Allo stesso tempo, tuttavia, l'affermazione di libertà che sancisce tutto come la legge rende soli allo stesso tempo. Il giorno successivo. L'essere umano come essere sociale non può sopportarlo.
Drug DC sarà quindi adoperano tutti i social media, si tratta di un legame virtuale e travi in ​​un mondo illusorio.
Telefono cellulare via - persona nel secchio.
 

8 Sopra le nuvole

"Sopra le nuvole, la libertà deve essere illimitata ...", così inizia una vecchia canzone.
L'uomo e il volo, il vecchio sogno di salire in aria, forse alimentato da un antico retaggio nel nostro cervello, perché una parte di noi è anche un uccello.
Il tragico fallimento di Icaro nel perseguimento di questo sogno, una "altezzosa voluttà, l'alterigia arriva prima della caduta ......
Il desiderio di planare attraverso l'aria è probabilmente l'esperienza più pura nel kite o nel volo a vela o nell'altro estremo, quando preme il jet da combattimento con 8G nel sedile .....
La popolazione dei cieli non è ancora vecchia, gli antenati risorti sarebbero stupiti di ciò che si muove nell'aria in tutto il mondo.


Aspetti Tematici ITALIA:

Penso che “destinazione libertà” debba equivalere a “destinazione conoscenza”.
Non credo che gli uomini nascano liberi, puoi nascere in una famiglia ricca o povera, con genitori che ti amano o no, in una città calda o fredda,  in un paese pieno di verde, mare,
 laghi e montagne o in un deserto, in un paese democratico o dittatoriale e così via 
 sin dalla nascita ci si prospettano percorsi con salite più o meno ripide o, per alcuni, in discesa.
 Possiamo decidere di sottometterci o combattere contro le avversità, il solo combattere anche senza garanzie di vittoria ci farà sentire persone libere, 
 possiamo sognare cose che nessuno sogna, ma se decidiamo di provare a realizzarle anche se alla fine possiamo non riuscirci, ci sentiremo persone libere. 
 Per combattere e sognare abbiamo bisogno della conoscenza, solo con questa possiamo renderci conto del nostro stato e decidere se stare o dove andare e con chi andare

 -------------------------------------------------------------------------------

 

Sul discorso migranti ti metto un paio di contributi

 Testo di Eduardo Galeano, Specchi.

“Il viaggio umano nel mondo cominciò in Africa. Da lì i nostri avi intrapresero la conquista del pianeta. I diversi cammini fondarono i diversi destini, e il sole ebbe il compito di assegnare i colori. Adesso noi donne e noi uomini, arcobaleni della terra, abbiamo   più colori dell’arcobaleno del cielo; ma siamo tutti africani immigrati. Perfino i bianchi più bianchi vengono dall’Africa. Forse ci rifiutiamo di ricordare la nostra origine comune perché il razzismo produce amnesia, o perché ci risulta impossibile credere che in   quei tempi remoti il mondo intero fosse il nostro regno, immensa cartina senza frontiere, e le nostre gambe fossero l’unico passaporto richiesto”.

--------------------------------------------------------------------------------
 Testo estrapolato da In comune

La gente africana ha una misera scelta: morire di violenza e povertà in patria, oppure rischiare la vita nel Mediterraneo, in un esodo dalle dimensioni bibliche.
Sono soggetti rivoluzionari perché non dicono, ma fanno, mettono in gioco i loro corpi, usano mani e piedi, lottano per la vita dando la vita, perseguono un fine che se raggiunto non vale solo per loro, ma per tutti, perché ne verrebbe un mondo diverso e magari questo fine sarà raggiunto per altri, non da loro. Per questo sono rivoluzionari, e sono non violenti perché non mettono in questione il sistema con le armi, ma ne svelano l’ottusità e ingiustizia col semplice muoversi, andare, sfidare il mare ma anche le torture e i lager.
Fanno obiezione di coscienza a un mondo che non li vuole.

L’esodo attraverso il Mediterraneo non è solo il risultato di miserie attuali, é la conseguenza del più grande crimine nella storia dell’umanità: un delitto perpetrato da Portogallo, Spagna, Inghilterra, Francia, Belgio. Un crimine che ha causato, dice l’ex-capo Onu Kofi Annan, oltre 250 milioni di morti (neri), il doppio dei morti (bianchi) nelle due guerre mondiali.

Una parola sintetizza la tragedia africana: sfruttamento.
La razzia incessante delle risorse - umane, minerarie, agricole - inizia nel XV secolo, con il Portogallo, la Spagna, l’Inghilterra e la Francia che trafficano spezie e, in maniera crescente, esseri umani.

Nel ‘600 Inglesi e francesi trasportano spezie, zucchero, cotone e caffè in Europa  e schiavi neri nelle Americhe; nel 1713 Londra ottiene il quasi monopolio del traffico di schiavi attraverso l’Atlantico (alla fine del ‘700 sono circa 100 milioni gli africani resi schiavi)
Dopo decenni di lotta, il movimento anti-schiavista prevale: nel 1807 il Regno Unito decreta la fine del traffico internazionale di esseri umani e nell’anno successivo aderiscono anche gli Usa.
(non e’ la fine della schiavitù, ma la fine del trasporto nell’Atlantico).

 Nell’800 l’Africa è ritenuta la soluzione della crisi europea, grazie alle sue grandiose risorse: rame, diamanti, oro e stagno nel sottosuolo; cotone e gomma in superficie; inizia inoltre la razzia di avorio e caucciù con venti-trentamila elefanti abbattuti annualmente.

Entrano anche in gioco interessi personali, la Rhodesia (oggi Zimbabwe) diventa proprietà privata di un inglese, il re del Belgio Leopoldo II dichiara il Congo proprietà personale. Nel 1884 il Kaiser Guglielmo II convoca la conferenza di Berlino durante la quale le potenze europee si spartiscono il continente: un accordo che dura fino al 1914.

 A tutt’oggi, i Paesi europei che erigono muri e fili spinati contro gli immigrati africani continuano a depredare le materie prime dell’Africa. Non solo oro e petrolio, ma soprattutto i minerali rari: uranio, coltano, niobium, tantalum e casserite, necessari nell’elettronica dei cellulari e in missilistica.

 Il Papa parla di carità. Il governo italiano di solidarietà. Ma se si riconoscesse che sono i vari paesi europei e l’America che hanno causato il dramma africano, forse sarebbe meglio parlare di risarcimento.